Salute delle vie urinarie nei gatti -

Banner di salute delle vie urinarie inferiori

Il termine malattia delle basse vie urinarie feline (FLUTD) descrive un insieme di condizioni che possono interessare la vescica e/o l'uretra dei gatti ed è un motivo comune per cui i proprietari di gatti chiedono consiglio al veterinario.

Quali sono i segni della malattia delle basse vie urinarie feline?

I gatti con FLUTD mostrano spesso segni come:

• Dolore durante la minzione (Disuria)
• Urinare solo piccole quantità (Oliguria)
• Sangue nelle urine (Ematuria)
• Tentativi frequenti o prolungati di urinare (pollachiuria)
• Urinare fuori dalla lettiera / in luoghi insoliti (Periuria)
• Perdita di appetito
• Letargia
• Dolore vocalico e/o altri segni di dolore

Salute delle basse vie urinarie - Letargia in un gatto

Questi sintomi sono stati verificati in uno studio che ha valutato 214 gatti con segni di FLUTD. Erano inclusi 174 gatti maschi (143 sterilizzati) e 40 femmine (32 sterilizzati). L'età dei gatti di razze diverse variava da 9 mesi a 17 anni2. I segni clinici dei vari disturbi che colpiscono le vie urinarie sono tutti molto simili, quindi è spesso difficile o impossibile determinarne la causa senza che un veterinario esegua ulteriori indagini.

Quali felini sono più suscettibili a FLUTD?

Non è raro vedere la FLUTD svilupparsi in gatti di qualsiasi età e sesso, tuttavia è risaputo che è più probabile che colpisca maschi di mezza età (2-7 anni), sovrappeso, castrati che hanno un basso livello di esercizio, spendono un tempo limitato all'aperto e utilizzare una lettiera all'interno3.

Quali condizioni possono influenzare il tratto urinario?

• Infezioni delle vie urinarie (UTI)
• Urolitiasi (calcoli vescicali)
• Tappo uretrale (blocco dell'uretra)
• Cistite idiopatica felina
• Neoplasie (tumore della vescica o delle basse vie urinarie)
• Anomalie anatomiche

Infezioni del tratto urinario

Il termine infezione del tratto urinario (UTI) si riferisce alla persistenza di un agente infettivo, più comunemente batteri, all'interno del sistema urogenitale che provoca una risposta infiammatoria associata e segni clinici4. In generale, le infezioni delle vie urinarie sono rare nei gatti, con una frequenza riportata tra l'1% e il 3% di tutti i casi di disturbi delle basse vie urinarie feline5.

Urolitiasi e tappi uretrali

È stato stimato che dal 10% al 20% dei gatti con FLUTD hanno tappi uretrali o urolitiasi8. Un tappo che si forma nell'uretra è solitamente un accumulo di proteine, cellule sparse, minerali cristallizzati e detriti nelle urine che si fondono per formare una massa che può col tempo bloccare completamente l'uretra e quindi deve essere rimossa.

Urolitiasi è un termine usato per descrivere calcoli e cristalli più piccoli che si formano nel tratto urinario. Questi si trovano solitamente nella vescica e nell'uretra, ma possono anche essere localizzati nei reni e negli ureteri. Potrebbe essere che ci sia una singola pietra grande o una raccolta di pietre più piccole che variano in dimensioni da un granello di sabbia a un ciottolo. Alcuni minerali si trovano naturalmente nel corpo di un gatto, tuttavia quando questi sono presenti a livelli anormali o non vengono elaborati correttamente dal sistema urinario, possono cristallizzare.

Uno studio in Canada condotto per un periodo di 5 anni ha esaminato la composizione minerale di 5484 invii di gatti che erano stati passati nelle urine o rimossi chirurgicamente. 618 erano tappi uretrali e 4866 erano uroliti vescicali. L'indagine ha mostrato che degli uroliti presentati, circa il 50% erano ossalati e il 44% struvite8 che sono noti per essere gli uroliti più comuni nei gatti10.

struvite

La precipitazione della struvite (magnesio ammonio fosfato) nei calcoli dipende da una serie di fattori tra cui il grado di saturazione delle urine, la dieta, il pH delle urine e il volume delle urine. Il supporto dietetico per la dissoluzione della struvite è stato utilizzato con successo per anni. Le raccomandazioni includono l'aumento dell'assunzione di acqua in quanto ciò aiuta a diluire l'urina e una dieta a base di consumo che limiti il ​​contenuto di fosforo e magnesio e promuova una moderata acidificazione delle urine9. Si pensa che la struvite possa avere il doppio delle probabilità di formarsi se il pH delle urine è costantemente elevato tra 6.5-6.9, invece dell'intervallo ideale tra 6-6.210.

Uno studio recente ha esaminato l'efficacia di una dieta di dissoluzione della struvite nei gatti con struvite presente in natura e ha scoperto che la dieta ha avuto successo nel dissolvere la struvite in 28 giorni o meno. La dieta è stata anche efficace nel mantenere la remissione dei segni del tratto urinario inferiore nella maggior parte dei gatti alimentati con la dieta, dimostrando che questa è una soluzione efficace a lungo termine per prevenire la struvite nei gatti inclini alla malattia9.

Ossalato di calcio (CaOx)

Fino alla metà degli anni '1990, la struvite era il calcolo più comune riportato nei gatti, tuttavia negli ultimi anni la frequenza della diagnosi di CaOx è aumentata13. Sebbene l'acidificazione alimentare possa aiutare la dissoluzione e la prevenzione dei cristalli di struvite, si ritiene che possa anche favorire il rilascio di carbonato di calcio dalle ossa che è stato scoperto per aumentare il livello di calcio nelle urine11 e quindi potrebbe aver contribuito all'aumento dei calcoli di CaOx. Questa ipotesi è stata tuttavia contraddetta dai risultati di un recente studio che suggerisce che le diete che determinano un pH delle urine per supportare la dissoluzione della struvite non aumentano il rischio di cristallizzazione del CaOx nell'intervallo del pH delle urine rappresentativo della maggior parte delle diete feline commerciali13.

A differenza della struvite, non esiste un protocollo di dissoluzione per CaOx e pertanto è necessaria la minzione anestetizzata o, in alcuni casi, la rimozione chirurgica. Si pensa che una dieta con livelli ridotti di calcio e ossalato possa aiutare a prevenire la formazione di calcoli, tuttavia le prove a sostegno di ciò sono limitate11.

Cistite idiopatica felina

In circa due terzi dei gatti con sintomi del tratto urinario inferiore, non è possibile diagnosticare l'esatto disturbo che causa la comparsa dei sintomi. Questo perché i segni clinici di diversi disturbi che colpiscono le vie urinarie sono così simili e quindi una volta che tutte le cause comuni o note dei segni clinici sono state eliminate, si parla di cistite idiopatica felina (FIC)6. Gli studi suggeriscono che la FIC potrebbe essere il risultato di complesse interazioni tra la vescica urinaria, il sistema nervoso, le ghiandole surrenali, le pratiche di allevamento e l'ambiente in cui vive il gatto7.

Numerosi studi hanno scoperto che si ritiene che lo stress svolga un ruolo importante nel causare o esacerbare la FIC, in particolare causata da un conflitto con altri gatti in una famiglia con più gatti o quelli privi di arricchimento ambientale. Si ritiene quindi che ridurre lo stress nell'ambiente di un gatto possa aiutare a ridurre la ricorrenza o la gravità della FIC12. È riconosciuto che l'arricchimento ambientale migliora la salute e il benessere degli animali, quindi è stato suggerito che la modifica del loro ambiente possa aiutare i gatti domestici14. È stato condotto uno studio in cui le modifiche sono state apportate in sequenza e lentamente e includevano l'aumento dell'assunzione di acqua, una migliore presentazione e gestione della lettiera, fornitura di strutture per arrampicarsi e tiragraffi, fornitura di stimoli audio/visivi quando il proprietario era assente da casa e identificazione e risoluzione dei conflitti tra gatti. Una revisione è stata condotta 10 mesi dopo l'implementazione delle modifiche e ha rilevato che non sono stati osservati segni legati al tratto urinario inferiore nel 70-75% dei gatti, il che è una diminuzione statisticamente significativa dei segni e conferma che lo stress ambientale è un fattore importante considerazione per i gatti con FIC.

Cosa si può fare per prevenire il verificarsi o il ripetersi di FLUTD?

• Fornire sempre acqua fresca e pulita – una fontana con acqua corrente è spesso preferita dai gatti
• Valuta se i cambiamenti nella dieta possono essere utili – consulta il tuo veterinario
• Assicurarsi che venga fornito un numero adeguato di lettiere, generalmente una in più rispetto al numero di gatti in casa
• Tenere le lettiere in una zona tranquilla della casa e garantire una pulizia regolare
• Ridurre lo stress nell'ambiente
• Fornire arricchimento ambientale per gatti da interno, come strutture per arrampicarsi e tiragraffi

Salute del tratto inferiore - Acqua corrente per Cat

Sommario

In sintesi, le malattie delle basse vie urinarie nei gatti sono complesse. Sebbene i fattori di rischio per la predisposizione dei gatti alla FLUTD siano stati identificati come gatti maschi sterilizzati di mezza età, possono avere un impatto sui felini di qualsiasi età. È importante monitorare i gatti per i segni di FLUTD in modo che possa essere implementata la corretta gestione e considerare l'utilizzo di misure preventive prima che i segni si presentino.

Testimonianze

1. Dorsch, R., Remer, C., Sauter-Louis, C. e Hartmann, K., 2014. Malattia del tratto urinario inferiore felino in una popolazione di gatti tedeschi. Tieraerztliche Praxis Kleintiere, 42(04), pp.231-239. 

2. Kovarikova, S., Simerdova, V., Bilek, M., Honzak, D., Palus, V. e Marsalek, P., 2020. Caratteristiche clinicopatologiche dei gatti con segni di malattia del tratto urinario inferiore felino nella Repubblica Ceca . Veterinární medicína, 65(3), pp.123-133.

3. Gunn-Moore, DA, 2003. Malattia del tratto urinario inferiore felino. Giornale di medicina e chirurgia felina, 5(2), pp.133-138.

4. Dorsch, R., Teichmann-Knorrn, S. e Sjetne Lund, H., 2019. Infezione del tratto urinario e batteriuria subclinica nei gatti: un aggiornamento clinico. Giornale di medicina e chirurgia felina, 21(11), pp.1023-1038.

5. Martinez-Ruzafa, I., Kruger, JM, Miller, R., Swenson, CL, Bolin, CA e Kaneene, JB, 2012. Caratteristiche cliniche e fattori di rischio per lo sviluppo di infezioni del tratto urinario nei gatti. Giornale di medicina e chirurgia felina, 14(10), pp.729-740.

6. Westropp, JL e Buffington, CT, 2004. Cistite idiopatica felina: attuale comprensione della fisiopatologia e della gestione. Cliniche veterinarie: Small Animal Practice, 34(4), pp.1043-1055.

7. Forrester, SD e Towell, TL, 2015. Cistite idiopatica felina. Cliniche veterinarie: Small Animal Practice, 45(4), pp.783-806.

8. Houston, DM, Moore, AE, Favrin, MG e Hoff, B., 2003. Tappi uretrali felini e uroliti vescicali: una rassegna di 5484 richieste 1998–2003. The Canadian Veterinary Journal, 44(12), p.974.

9. Tefft, KM, Byron, JK, Hostnik, ET, Daristotle, L., Carmella, V. e Frantz, NZ, 2021. Effetto di una dieta di dissoluzione della struvite nei gatti con urolitiasi naturale della struvite. Giornale di medicina e chirurgia felina, 23(4), pp.269-277.

10. Grauer, GF, 2015. Struvite felina e urolitiasi di ossalato di calcio. Pratica veterinaria di oggi, 5(5), pp.14-20.

11. Palm, CA e Westropp, JL, 2011. Gatti e ossalato di calcio: strategie per la gestione della calcolosi del tratto inferiore e superiore. Giornale di medicina e chirurgia felina, 13(9), pp.651-660.

12. Gunn-Moore, DA e Cameron, ME, 2004. Uno studio pilota che utilizza feromoni facciali felini sintetici per la gestione della cistite idiopatica felina. Giornale di medicina e chirurgia felina, 6(3), pp.133-138.

13. Bijsmans, ES, Quéau, Y., Feugier, A. e Biourge, VC, 2021. L'effetto dell'acidificazione delle urine sulla sovrasaturazione relativa dell'ossalato di calcio nei gatti. Journal of Animal Physiology and Animal Nutrition, 105(3), pp.579-586.

14. Buffington, CT, Westropp, JL, Chew, DJ and Bolus, RR, 2006. Valutazione clinica della modificazione ambientale multimodale (MEMO) nella gestione dei gatti con cistite idiopatica. Giornale di medicina e chirurgia felina, 8(4), pp.261-268.

Torna al Knowledge Center

Emma Caccia

GA Pet Food Partners Nutrizionista per animali domestici

Emma ha una laurea in Comportamento e Benessere Animale e successivamente ha conseguito un Master in Sanità Pubblica Veterinaria presso il Università di Glasgow. In seguito, ha lavorato nel settore agroalimentare per diversi anni e ha mantenuto il proprio gregge di pecore prima di entrare in GA nel 2021. Emma ama allenarsi e competere in donne forti o passare il tempo con il suo amato collie Lincoln.

Potrebbe piacerti anche ...

Articolo scritto da Emma Hunt