Cibo per animali ipoallergenico: separare i fatti dal clamore

Immagine di presentazione di alimenti per animali domestici ipoallergenici

Che cos'è un'allergia alimentare nei cani e nei gatti?

Cani e gatti possono mostrare reazioni avverse al cibo che possono essere sostanzialmente divise in due gruppi: immunologiche (allergie alimentari) e non immunologiche. Un'allergia alimentare è una reazione immunitaria inappropriata a un alimento o ingrediente normale (ad es. una proteina nel cibo) che può causare segni dermatologici (ad es. arrossamento, prurito della pelle) e/o gastrointestinali (ad es. diarrea, vomito) in cani e gatti ( Verlinden et al., 2006). Mentre ingredienti come pollo, manzo e soia sono facilmente riconoscibili come fonti proteiche, è anche importante considerare gli ingredienti che forniscono principalmente carboidrati alla ricetta come riso, grano, patate e mais poiché contengono anche una piccola quantità di proteine . Le reazioni avverse al cibo non immunologiche possono derivare da una serie di cause come intolleranze alimentari, intossicazioni alimentari, tossicità alimentare e indiscrezione dietetica (Verlinden et al., 2006).

I segni clinici di allergia alimentare, intolleranza alimentare, intossicazione alimentare e indiscrezione dietetica possono sovrapporsi, rendendo difficile determinarne la causa e possono portare a una reazione alimentare avversa all'essere indiscriminatamente etichettati dal proprietario come "allergia alimentare". Per alcuni aspetti, non è necessariamente importante per un proprietario se il suo animale domestico ha, ad esempio, un'allergia o un'intolleranza al glutine di frumento poiché i sintomi in entrambi i casi possono essere risolti allo stesso modo, rimuovendo l'ingrediente "incriminato" dal la dieta dell'animale.

Allergeni alimentari comuni

Le allergie alimentari possono svilupparsi in risposta a qualsiasi proteina della dieta e quelle più frequentemente associate alle allergie alimentari sono mostrate nella tabella seguente. Non è che queste fonti proteiche siano intrinsecamente più "allergeniche" di altre proteine, ma probabilmente riflettono l'uso diffuso di questi ingredienti negli alimenti per animali domestici.

Tabella 1: allergeni alimentari più frequentemente riportati coinvolti in reazioni alimentari avverse cutanee in cani e gatti (Mueller, et al., 2016).

Alimenti ipoallergenici per animali domestici - Tabella degli allergeni alimentari

Identificare la causa dell'allergia alimentare

Se si sospetta un'allergia alimentare, l'approccio gold standard per determinarne la causa è quello di diete di esclusione e prove di re-challenge, sebbene ciò non discriminerebbe tra un'allergia alimentare e una reazione alimentare non immuno-mediata.

La chiave per le prove dietetiche di esclusione è escludere i possibili ingredienti a cui l'animale è allergico selezionando una nuova fonte di proteine ​​(e carboidrati) a cui il cane o il gatto non sono stati precedentemente esposti. La dieta scelta deve essere alimentata esclusivamente (il che significa che nessun altro cibo o dolcetti deve essere somministrato insieme) per il periodo di prova. La durata della dieta dipenderà dalla gravità iniziale dei sintomi e dalla rapidità con cui i segni clinici regrediscono, ad esempio 2-4 settimane per i sintomi gastrointestinali e 4-8 settimane o potenzialmente più a lungo per i sintomi dermatologici (Verlinden et al. ., 2006).

Una volta che i sintomi sono migliorati a sufficienza, il ripetersi dei sintomi quando viene nuovamente contrastato con il cibo originale o con il singolo ingrediente supporta la diagnosi di allergia alimentare e l'identificazione della proteina specifica a cui l'animale è sensibile.

Sebbene le diete di eliminazione aiutino i proprietari a individuare particolari tipi di cibo, può essere piuttosto scoraggiante per il proprietario. Il processo può essere lento e richiedere molto tempo, per essere efficace ci vuole dedizione e i proprietari potrebbero non vedere risultati immediati.

Le basi delle diete ipoallergeniche per animali domestici

Storicamente, le diete ipoallergeniche di alimenti per animali domestici evitavano l'uso di allergeni alimentari comuni (ad es. manzo, latticini, grano, soia) e si basavano invece su nuove proteine ​​(ad es. agnello o salmone), che non erano tipicamente utilizzate per formulare alimenti per animali domestici, sulla base di una ridotta probabilità di essere allergico a una proteina a cui un animale domestico non era stato precedentemente esposto. Questo approccio può essere molto efficace per molti cani e gatti (Jeffers et al., 1991; Leistra & Willemse, 2002) sebbene possa essere necessario provare più di una nuova dieta proteica fino a quando non si trova una dieta adeguata. È anche possibile che l'animale possa eventualmente sviluppare un'allergia alla nuova proteina.

Numerose aziende di alimenti per animali domestici hanno commercializzato i loro prodotti come buoni o adatti per animali domestici con allergie o intolleranze, poiché si tratta di una "dieta a base di ingredienti limitati". Le ricette di solito utilizzano solo una fonte di proteine ​​animali e una fonte di carboidrati. La tendenza della "Dieta con ingredienti limitati" sembra ricondurre all'idea di una dieta di eliminazione, come accennato in precedenza, che esclude determinati ingredienti per cercare di limitare il rischio di una reazione avversa al cibo.

Più recentemente sono state introdotte sul mercato diete ipoallergeniche per animali da compagnia che contengono proteine ​​idrolizzate. Utilizzando l'idrolisi enzimatica controllata, le proteine ​​possono essere parzialmente o ampiamente scomposte in peptidi più piccoli che possono essere troppo piccoli per essere rilevati dal sistema immunitario, rendendoli ipoallergenici. Un vantaggio di questo approccio è che possono essere efficaci anche negli animali domestici allergici alle proteine ​​intatte. Ad esempio, i cani che hanno mostrato segni gastrointestinali e/o dermatologici avversi in seguito all'ingestione di proteine ​​di soia non hanno mostrato alcun segno clinico in risposta all'ingestione di proteine ​​di soia idrolizzate (Puigdemont et al., 2006). Allo stesso modo, in uno studio su 12 cani con manifestazioni cutanee dopo esposizione a carne di pollo, tutti tranne uno hanno mostrato una riduzione dei punteggi clinici quando nutriti con pollo idrolizzato (Ricci et al., 2010).

Tendenze e percezioni dei consumatori

Nel 2018, un'analisi di un database unico di 350,000 cani del Regno Unito ha mostrato un aumento del 75% delle richieste di miscele di alimenti per cani ipoallergenici da parte dei proprietari negli ultimi due anni (Woodmansey, 2018). L'umanizzazione è una tendenza in continua crescita nel settore degli alimenti per animali domestici, dove molti animali domestici sono considerati "bambini" o "bambini di pelliccia" e quindi un membro aggiuntivo della famiglia. Ciò si è riflesso quando si tratta di alimenti per animali ipoallergenici. Poiché molti proprietari si sono preoccupati del fatto che la loro dieta sia priva di glutine per adattarsi a un'intolleranza che hanno o sentono di poter avere, le stesse preoccupazioni sono state applicate alla dieta del loro animale domestico.

Timbro per alimenti per animali domestici ipoallergenici

Sommario

Come accennato in precedenza, ci sono una serie di soluzioni che possono rivelarsi efficaci per fornire una dieta adatta ad un animale domestico che soffre di allergie o intolleranze alimentari. Se utilizzate nel modo corretto con una giustificazione chiara e dettagliata, le indicazioni sugli alimenti per animali domestici ipoallergenici possono aiutare i consumatori a fare una scelta informata affinché il loro animale domestico soddisfi le proprie esigenze nutrizionali.

Riferimenti

Jeffers, JG, Shanley, KJ, Meyer, EK, (1991) Test diagnostici sui cani per l'ipersensibilità alimentare. Giornale dell'American Veterinary Medical Association, 198(2), 245-250

Leistra, M., Willemse, T., (2002) Valutazione in doppio cieco di due diete ipoallergeniche commerciali nei gatti con reazioni avverse al cibo. Giornale di medicina e chirurgia felina 4, 185–188.

Mueller, RS, Olivry, T., Prélaud, P., (2016) Argomento criticamente valutato sulle reazioni avverse al cibo degli animali da compagnia (2): fonti di allergeni alimentari comuni in cani e gatti. Ricerca veterinaria BMC. 12:9. DOI 10.1186/s12917-016-0633-8.

Puigdemont, A., Brazís, P., Serra, M., Fondati, A., (2006) Risposte immunologiche contro la proteina di soia idrolizzata nei cani con ipersensibilità alla soia indotta sperimentalmente. Giornale americano di ricerca veterinaria, 67(3), 484-488.

Ricci, R., Hammerberg, B., Paps, J., Contiero, B., Jackson, H., (2010) Un confronto tra le manifestazioni cliniche dell'alimentazione di pollo intero e idrolizzato a cani con ipersensibilità alla proteina nativa. Dermatologia veterinaria, 21, 358–366.

Verlinden, A., Hesta, M., Millet, S., Janssens, GPJ, (2006) Allergia alimentare in cani e gatti: una rassegna. Recensioni critiche in scienze alimentari e nutrizione, 46(3), 259-273.

Woodmansey, D., (2018) Il database mostra un aumento del 75% della domanda di cibo ipoallergenico. Tempi veterinari. https://www.vettimes.co.uk/news/database-shows-75-rise-in-hypoallergenic-food-demand/

Torna al Knowledge Center

sophia parkinson

GA Pet Food Partners Esperto di reclami sugli alimenti per animali domestici

Sofia è GA Pet Food Partners Pet Food Claims Expert ed è coinvolto nel controllo delle dichiarazioni dei partner, nel garantire che le etichette e i materiali di marketing rispettino le normative e nella ricerca di nuove ed entusiasmanti materie prime. Sophia ha una laurea in Scienze della Nutrizione, dove ha sviluppato un forte interesse per le indicazioni e la regolamentazione dell'etichettatura. Ha lavorato brevemente nel settore dell'alimentazione umana prima di entrare in GA nel 2020. Le piace cucinare e fare lunghe passeggiate con il suo schnauzer in miniatura, Dexter, nel tempo libero.

Il dottor Adrian Hewson-Hughes

Consulente in nutrizione, sicurezza alimentare e innovazione

Adrian si è laureato in farmacologia presso l'Università di Sunderland e ha continuato a lavorare in un laboratorio di sclerosi multipla presso l'Institute of Neurology, University College London, dove ha ottenuto un dottorato di ricerca. Dopo diversi anni come "postdoc" nel mondo accademico presso le Università di Cambridge e Nottingham, è entrato a far parte di Mars Petcare e ha trascorso 14 anni lavorando in ricerca e sviluppo presso il Waltham Center for Pet Nutrition. Adrian ha guidato vari progetti di ricerca su appetibilità, comportamento alimentare, nutrizione e metabolismo sia nei cani che nei gatti, con conseguente pubblicazioni scientifiche, presentazioni e innovazioni di prodotto. Nell'ottobre 2018, Adrian è entrato a far parte di GA, entusiasta dell'opportunità di supportare l'innovazione e gli investimenti continui in cui GA si impegna, portando prodotti della massima qualità ai nostri partner e ai nostri animali domestici.

Potrebbe piacerti anche ...

Articolo scritto da Sophia Parkinson e dal dottor Adrian Hewson-Hughes